logo pop
pop
febbraio 07, 2020 - Fondazione Musica Insieme

Debutta a Musica Insieme la celebre Camerata Salzburg con Viviane Hagner

Lunedì 10 febbraio 2020 (ore 20.30) all'Auditorium Manzoni per I Concerti 2019/20 debutta a Musica Insieme una storica compagine austriaca: la Camerata Salzburg, diretta da Daniel Giglberger e affiancata da una straordinaria solista alla sua prima apparizione nel nostro cartellone, Viviane Hagner. Il programma rende omaggio ai tre grandi compositori austriaci Haydn, Mozart e Schubert, con un programma all'insegna della leggerezza e della danza. Il #concerto sarà introdotto da Luca Baccolini, giornalista, scrittore e conduttore di programmi radiofonici d'argomento culturale, nonché redattore per La Repubblica Bologna e per la rivista Classic Voice.

La Camerata Salzburg, la compagine fondata nel 1952 sotto la guida di Bernhard Paumgartner, vanta una carriera costellata di successi, con i più grandi solisti del mondo, da #andrasschiff a #dietrichfischerdieskau, da #renejacobs a #joshuabell, #murrayperahia e #fazilsay. Il repertorio della Camerata si concentra soprattutto sul classicismo viennese, come testimonia il programma del #concerto, da Haydn a Mozart e Schubert, in cui la compagine è affiancata da una straordinaria solista: Viviane Hagner. Dal suo debutto, appena tredicenne, insieme ai Berliner Philharmoniker diretti da Zubin Mehta, la violinista tedesca ha calcato i palcoscenici più prestigiosi del mondo, insieme a orchestre di primo piano, come Chicago Symphony, New York Philharmonic e Leipzig Gewandhaus, diretta da Abbado, Ashkenazy, Barenboim, Chailly e Maazel.

Ad aprire il programma del #concerto, tutto dedicato ai tre numi tutelari del classicismo viennese, saranno le Cinque Danze tedesche, con sette Trii e una Coda D 90 di Franz Schubert, nate per quartetto d'archi (e qui amplificate in una versione per ensemble dello stesso autore) e testimonianza della vocazione del loro autore per la leggerezza danzante dell'intrattenimento salottiero. All'esperto archetto di #vivianehagner sono poi affidati il celebre Concerto n. 5 in la minore – Alla Turca di Wolfgang Amadeus Mozart, esuberante e virtuosistico, con il popolaresco episodio "alla turca" del Rondò finale, dove i bassi suonano con l'archetto a rovescio, percuotendo col legno la cassa dello strumento e così ricreando il suono delle percussioni. Ad aprire la seconda parte sarà ancora Schubert, con il Rondò in la maggiore per violino e archi D 438, dalla lirica cantabilità, per concludere il programma con la Sinfonia detta Mercurio, la quarantatreesima del immenso corpus di Franz Joseph Haydn: una pagina di raffinata eleganza, appena velata di malinconia, che raramente si ha occasione di ascoltare nelle sale da #concerto. Biglietti da € 10 a € 60 in vendita presso Bologna Welcome, online sul sito www.vivaticket.it e nei punti vendita convenzionati. Il giorno del #concerto, vendita biglietti presso l'Auditorium Manzoni dalle 15 alle 20.15

News correlate

marzo 27, 2017 - Fondazione Orchestra Sinfonica e Coro Sinfonico di Milano Giuseppe Verdi